Comunità Giovanile Lavoro per il progetto “Fuori dalla classe”

La Comunità Giovanile Lavoro, che dagli Anni Novanta si impegna per promuovere e supportare programmi di inclusione sociale, ha scelto oggi di sostenere il progetto “Fuori dalla classe”, proposto dai docenti dell’Istituto Bellini.

Fondato nel 1833 dalla Contessa Giuseppa Tornielli Bellini, l’Ipsia è un istituto che si impegna quotidianamente per integrare a livello sociale giovani appartenenti a fasce deboli della popolazione. Parte dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Nervi”, dal 2012, l’Istituto Bellini conta quasi 600 alunni. Di questi il 30% sono di nazionalità straniera e il 20% presentano bisogni educativi speciali: alcuni studenti provengono, infatti, da contesti sociali ed economici problematici, mentre altri hanno alle spalle un percorso curricolare difficile. Tra le problematiche da affrontare non mancano esiti scadenti, bocciature, frequenze irregolari e altri elementi che testimoniano una condizione di disagio. Attraverso il progetto “Fuori dalla classe”, i docenti vogliono proporre un percorso didattico ed educativo differente.

Grazie alla partnership di Comunità Giovanile Lavoro, Onlus con una forte esperienza nel campo dell’integrazione professionale, l’Ipsia si pone l’obbiettivo ambizioso di offrire nuove speranze a giovani ad alto rischio di abbandono degli studi. La scarsa motivazione e la mancanza di fiducia nei confronti del futuro, infatti, rappresentano due delle principali cause di abbandono scolastico. Il progetto dell’Istituto Bellini e di Comunità Giovanile Lavoro, perciò, offre agli studenti alternative per progettare un futuro diverso. Nel giardino dell’Istituto, verrà realizzata un’area attrezzata con tavoli e panche dove i ragazzi potranno sperimentare attività pratiche. Mettersi in gioco significa in primo luogo aumentare la propria autostima e riconoscere le proprie capacità e qualità.

Queste attività di studio e svago, al tempo stesso, consentiranno agli studenti di sviluppare un’attitudine al team di working e di riscoprire la scuola come luogo di condivisione e di crescita, innanzitutto personale. Proporre un percorso professionale studiato su misura, in altre parole, significa consentire ai ragazzi di superare gli svantaggi di partenza. La scuola torna a essere così un luogo di apprendimento e di scoperta, dove costruire con fiducia e impegno il proprio futuro. La Comunità Giovanile Lavoro è fiduciosa nei risultati che possono essere conseguiti attraverso un progetto che presenta non pochi punti in comune con la mission della stessa Onlus.

Consulta anche iisnervi.it

ozio_gallery_nano

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo sia cookies tecnici sia cookies di parti terze. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa della privacy policy.
Premendo OK prosegui nella navigazione accettando l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.