Regolamento interno

Articolo 18 – Sicurezza del lavoro

I soci sono tenuti a rispettare le norme in materia di sicurezza ed igiene del lavoro impartite dalla cooperativa e previste dalla legge per la propria attività. Quando richiesto dovranno dotarsi degli strumenti individuali di protezione necessari per l’attività lavorativa concordata.
Nei casi previsti dalla vigente normativa, la cooperativa garantirà al lavoratore autonomo la necessaria formazione e informazione in materia di sicurezza sul lavoro, nonché la prescritta sorveglianza sanitaria.

Articolo 19 – Controversie

In relazione allo spirito cooperativistico, i soci cooperatori e il Consiglio di Amministrazione, sono impegnati ad evitare comportamenti e condizioni che possano provocare controversie.
Qualunque controversia dovesse eventualmente insorgere deve obbligatoriamente essere resa nota al Consiglio di Amministrazione, il quale si impegna a privilegiare, ove possibile, la conciliazione tra le parti.

Il foro competente è quello in cui la cooperativa ha la sede sociale.

Articolo 20 – Risoluzione del rapporto di lavoro

1. I contratti di lavoro subordinato si risolvono, in aggiunta a quanto previsto dal CCNL applicato per la parte economica, in caso di esclusione, recesso o decadenza, per qualsiasi ragione o causa.

 

2. L’interruzione del contratto di lavoro subordinato è causa di esclusione da socio salvo che il Consiglio di Amministrazione, previa domanda del socio, non provveda all’iscrizione del socio stesso in altra sezione del libro soci.

3. Il recesso da socio comporta l’interruzione del rapporto di lavoro.

Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo sia cookies tecnici sia cookies di parti terze. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa della privacy policy.
Premendo OK prosegui nella navigazione accettando l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.